La mozzarella di bufala: come riconoscerla?

Un prodotto che più di tutti porta alta la bandiera dell’artigianalità dei mastri caseari, un gusto unico e inconfondibile che la rende la regina della tavola: stiamo parlando della mozzarella di bufala… quella vera!

Piace ed è apprezzata da molti, ma come riconoscerla?

Le caratteristiche della mozzarella di bufala

L’abbiamo definita la regina dei prodotti caseari per la sua indiscutibile prelibatezza. A renderla così speciale sono diverse caratteristiche.

Volete saperne di più? E noi ve lo raccontiamo!

Iniziamo dalle tecniche di produzione.

La mozzarella di bufala

Come viene prodotta la mozzarella di bufala

Il caseificio Biancobufala, nostro fornitore, inizia la lavorazione partendo dall’indiscussa selezione delle materie prime. Da qui, prende il via il percorso di controllo e analisi del latte ricavato che, solo dopo essere stato certificato, prosegue verso la fase di filtraggio e pastorizzazione. Al latte, raggiunta una temperatura di 35°, viene aggiunto il siero-innesto (un fermento naturale precedentemente ricavato dal latte stesso) e il caglio che consente una buona coagulazione del prodotto. In seguito, viene rotta la cagliata, il che comporta:

  • La discesa della sul fondo delle vasche polivalenti;
  • Il trasferimento del siero rimasto in superficie, all’interno di altri contenitori dove, a una temperatura di 80°, diventa ricotta.

La pasta, ormai matura, viene sottoposta a filatura con l’aggiunta di acqua a 98°. Solo a questo punto i maestri possono manipolarla per darle la giusta consistenza. La mozzarella di bufala viene fatta raffreddare, messa in salamoia e confezionata, pronta per essere gustata a tavola!

Come conservare e mangiare la mozzarella di bufala

La mozzarella di bufala prevede delle accortezze per essere gustata in tutta la sua succosità. Sembra scontato ma non tutti sanno che va sempre conservata nel suo liquido, in un luogo fresco ma non in frigorifero!

Prima di mangiarla andrebbe portata alla temperatura ottimale di 20°. Quindi, se la comprate al banco frigo o la conservate in frigorifero, servirà almeno una mezz’oretta prima che arrivi a temperatura.

Il dettaglio interessante è che tutti possono consumare la mozzarella di bufala, anche chi è intollerante al lattosio: ovviamente questa è una regola generale che varia di caso in caso!

Qualora decideste di utilizzare la mozzarella di bufala come ingrediente per insaporire e arricchire i vostri piatti, il nostro consiglio è di scolarla dal suo liquido, lasciarla al fresco per 30 minuti per farle raggiungere la giusta consistenza.

Ma a proposito di ricette… ne volete una speciale che solo il Chianchiere può svelarvi.

Mozzarella di bufala, pesto, mela verde

Semplice, fresca ma dal gusto assicurato! Vi serviranno pochissimi ingredienti e realizzarla è davvero facile.

Ingredienti

1kg di bocconcini di bufala

300gr di pesto

2 mele verdi

Mischiate… e servite. Non sapete che bontà!

Articoli simili

Dalla Vigilia di Natale al Capodanno, per concludere in bellezza il 2021, circondati dalla bontà della cucina del Chianchiere, Lucio…

Ma chi è il Chianchiere? Cosa vuol dire? Quali sono le sue origini? Se siete qui riconoscerete questo appellativo come…

Da generazioni, Cerrone si occupa in prima persona di seguire il delicato processo di frollatura della carne e oggi vuole…